Il prezzo dell’oro torna a salire

La quotazione dell’oro è cresciuta del 12% da inizio anno.

Dall’inizio dell’anno assistiamo ad un aumento del prezzo dell’oro. Era il lontano settembre 2012 quando i timori di una Euro traballante, una crescita che tardava ad arrivare, avevano fatto crescere la quotazione dell’oro verso i massimi storici toccando i 44 euro al grammo.

Da quel momento le banche centrali hanno pensato al resto: miliardi immessi nel sistema tramite il quantitative easing effettuato da FED, Banca Centrale Europea e Banca del Giappone hanno calmierato i prezzi del metallo aureo portandolo in costante discesa fino ai 31 euro di dicembre 2015.

E’ bene notare che la discesa è stata costante se considerata in dollari che nel frattempo si è rafforzato sull’euro facendo guadagnare qualcosa all’oro se considerato in euro.

Tuttavia a fine dicembre la corsa al ribasso dell’oro si è fermata e ha cominciato una parabola ascendente rendendolo il miglior investimento da inizio 2016 ad oggi. L’oro si è infatti apprezzato in euro del 12,7% in meno di due mesi mentre le borse di tutte il mondo stanno scontando una discesa per i nuovi timori verso una crescita che diventa sempre più lontana con le banche centrali che hanno sempre meno strumenti per affrontare questo periodo.

prezzo oro dal 2015 a oggi

Conviene investire in oro oggi

Oggi l’investimento in oro significa mettersi al riparo da queste turbolenze ma in uno scenario deflattivo e dove i rendimenti dei titoli di stato e azionari sono negativi, significa anche investire nello strumento che consente il maggior ritorno sebbene, come si sappia l’oro non paghi dividendi e non dia interessi. Tuttavia 0% è meglio dei tassi negativi dei titoli di Stato attuali e dei ritorni negativi dei mercati azionari.

Per questo motivo oggi assistiamo ad un crescente interesse nell’investimento in oro: i media ritornano a parlarne e i commercianti tornano a fare affari: una settimana fa Bolaffi Metalli Preziosi ha fatturato in un giorno 425.000 Euro (Fonte: Ansa).

Nel Regno Unito, a Londra, code sono state avvistate per acquistare oro come riportato dal Telegraph. BullionByPost ha infatti registrato il record giornaliero di vendite a 5.6 milioni di sterline superando il precedente record di Ottobre 2014 di 4.4 milioni.

E’ chiaro che nel mondo il timore è alto e molti analisti pensano che, nonostante gli ultimi cali, i prezzi di borsa siano ancora parecchio lontani dai fondamentali. Tuttavia recentemente l’economia sottostante non è stata quasi mai la ragione dell’andamento dei mercati: le notizie che giungono dalle banche centrali sono spesso più importanti.

Molti analisti sono anche rimasti sorpresi dalla recente rottura della correlazione tra robustezza del dollaro e quotazione dell’oro: un dollaro forte indicava spesso un prezzo dell’oro in discesa come accaduto negli ultimi anni. Questa correlazione è venuta a mancare negli ultimi mesi quando, nonostante una relativa forza del dollaro, l’oro è tornato a crescere di oltre il 12% in due mesi.

Dove l’oro può arrivare lo scopriremo nei prossimi mesi e molto dipenderà dalle decisioni congiunte delle banche centrali, dall’economia statunitense, dalla situazione in Cina e dal risultato del referendum della Gran Bretagna per uscire dalla Unione Europea.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...